Fino al 1 maggio | Il digital project di Marzia Migliora "Lo specchio di Malthus"

Gallarate (VA), MA*GA
Allegati: 

.

.

.

.

 

SUI CANALI SOCIAL DEL MUSEO MA*GA

IL DIGITAL PROJECT DI MARZIA MIGLIORA

LO SPETTRO DI MALTHUS

 

Si tratta di un’anteprima dell’opera che l’artista presenterà il prossimo autunno al museo di Gallarate.

 

 

I canali social del Museo MA*GA di Gallarate (VA) ospitano, fino al 1 maggio, il digital project di Marzia Migliora, dal titolo Lo spettro di Malthus.

Per l’occasione Marzia Migliora ha realizzato un progetto digitale, a cura di Matteo Lucchetti, in cui proporre in anteprima alcuni frammenti e dettagli, come fotografie, disegni e appunti, dell'installazione Lo spettro di Malthus, che verrà presentata al MA*GA il prossimo autunno.

Lo spettro di Malthus – afferma Matteo Lucchetti - è un progetto dedicato all’insostenibilità del rapporto tra produzione di cibo, merce e plusvalore del modello capitalista in relazione allo sfruttamento delle risorse umane, animali, e naturali. Le emanazioni del progetto, che vengono presentate in queste settimane di Aprile su sito web e social media del museo, riguardano principalmente tre ambiti produttivi del progetto. La prima è relativa ad una serie di collage che l’artista ha iniziato nel 2017 con il titolo di “Paradossi dell’abbondanza”. Un titolo preso a prestito da un capitolo del libro “Una storia commestibile dell’umanità” del giornalista inglese TomStandage, il quale, nel suo libro, ripercorre una certa idea di modernità attraverso la storia dell’agricoltura e del suo asservimento alla produzione di cibo come merce: con l’introduzione di monoculture, produzioni intensive, pesticidi, organismi geneticamente modificati, e quanto ha permesso un presunto dominio dell’uomo sui cicli naturali della germinazione. Questa serie di disegni intende esplorare visivamente i paradossi che governano la società dei consumi, tratteggiando i limiti di un modello anacronistico e in antitesi con le emergenze ambientali e sociali del presente. Migliora ha realizzato una serie di ventinove collage, che mescolano la tecnica del disegno alla tradizione del papier collé, per raccontare le contraddizioni vissute in campo agricolo, dalla prospettiva dagli agricoltori stessi, che fossero questi gli stagionali migranti dei nostri giorni, i braccianti delle piantagioni coloniali, oppure più semplicemente provenienti dal background contadino vicino all’artista e alla storia della sua famiglia”

 

Accompagna l’iniziativa, inoltre, un ebook, scaricabile dal sito www.museomaga.it, dedicato agli sketchbook inediti di Marzia Migliora che svela e anticipa il percorso di ricerca e produzione a cui l’artista sta lavorando da oltre un anno.

Il progetto è realizzato grazie al sostegno di Italian Council (VI Edizione, 2019) programma di promozione di arte contemporanea nel mondo, della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

Marzia Migliora è un'artista che usa un’ampia gamma di linguaggi, tra cui fotografia, video, suono, performance, installazione e disegno, per creare opere che elevano le più semplici attività umane a momenti in grado di raccontare stralci di storia collettiva. Le tematiche ricorrenti nel suo lavoro sono la memoria come strumento di articolazione del presente e l'analisi dell'occupazione lavorativa come affermazione di partecipazione alla sfera sociale. Nella maggior parte dei suoi lavori l’elemento dell’assenza invita lo spettatore a una relazione esclusiva con l’opera e i suoi potenziali significati. Tra le varie istituzioni che hanno esposto il lavoro di Migliora, Museo d’Arte Contemporanea del castello di Rivoli, Rivoli, Torino; Fondazione Prada, Milano; Fondazione Merz, Torino; MART, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto; MA*GA, Museo arte Gallarate, Gallarate; Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia, Madrid; Padiglione Italia, 56aEsposizione Internazionale d’Arte, Venezia; Museo del Novecento, Milano; Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; MAMbo, Museo d’Arte Moderna di Bologna, Bologna; FACT, Foundation for Art and Creative Technology, Liverpool; Ca’ Rezzonico, Venezia; Museo Maxxi, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma, OGR Officinie Grandi Riparazioni, Torino; Carré d'Art, Nîmes; Serlachius Museum, Mänttä; Le MAGASIN Centre National d’Art Contemporain, Grenoble. Lavora con la galleria Lia Rumma, Milano/Napoli.

 

Gallarate (VA), aprile 2020

 

Museo MA*GA

Gallarate, Via E. de Magri 1

Tel. +39 0331 706011; info@museomaga.itwww.museomaga.it



Facebook: @maga.museo

Instagram: @museomaga

Twitter: @MuseoMaga

 

Ufficio stampa

CLP Relazioni Pubbliche

Anna Defrancesco | T. 02 36755700 | M. 349 6107625| anna.defrancesco@clp1968.itwww.clp1968.it

 

© 2012 CLP Relazioni Pubbliche - Informativa sulla Privacy - Powered by Eternet S.r.l.