ENZO CUCCHI. Cinquant'anni di grafica d'artista

Chiasso (CH), Spazio Officina
Domenica 11 Giugno 2017 - Domenica 23 Luglio 2017
Allegati: 

SPAZIO OFFICINA, CHIASSO (SVIZZERA)

 

DALL’11 GIUGNO AL 23 LUGLIO 2017

LA MOSTRA

ENZO CUCCHI

CINQUANT’ANNI DI GRAFICA D’ARTISTA

 

Per la prima volta, l’esposizione ripercorre cinquant’anni di attività grafica del più visionario tra gli artisti del movimento della Transavanguardia, attraverso acqueforti, litografie e serigrafie, schizzi, disegni e ben 180  libri d’artista.

 

Per l’occasione verranno presentati un ciclo d’incisioni inedite di piccolo formato realizzate appositamente per l’esposizione, prodotte in collaborazione con edizioni Lithos di Como, e 6 nuove sculture.

 

Dall’11 giugno al 23 luglio 2017, lo Spazio Officina di Chiasso (Svizzera) ospita una mostra dedicata a Enzo Cucchi (Morro d’Alba, AN, 1949) che, per la prima volta, ripercorre la sua attività grafica, sviluppatasi in cinquant’anni di carriera, dagli anni Settanta a oggi, attraverso acqueforti, litografie e serigrafie, schizzi, disegni e ben 180 libri d’artista.

Per l’occasione saranno presentati un ciclo di 21 incisioni inedite di piccolo formato, realizzate dalle edizioni Lithos di Como, e 6 nuove sculture.

L’esposizione, che s’inserisce nel filone della “grafica contemporanea” con autori che hanno lasciato importanti testimonianze nel territorio svizzero-ticinese, è curata da Alessandro Cucchi, figlio dell’artista, e Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo e dello Spazio Officina di Chiasso.

La mostra, oltre a ripercorrere i passaggi fondamentali della ricerca grafica di Enzo Cucchi, pone altresì l’accento sul percorso creativo e sulle soluzioni sorprendenti adottate dall’artista, quali il molto grande e il molto piccolo.

I formati seguono regole imperscrutabili, fedeli alle immagini contenute; spesso diversi metodi di stampa convivono. I caratteri e le scritte a mano si alternano alle immagini di eroi delle campagne marchigiane, agli animali (cani, galli ecc.), alle colline e alle case.

Enzo Cucchi ha sempre mostrato una particolare cura e passione per la grafica e l’oggetto libro-catalogo. Tradizionalmente, progetta il catalogo dell’esposizione e lo segue nella sua realizzazione artigianale a piccola tiratura, nella scelta dei materiali, nelle carte e nella stampa finale.

Lo stesso Cucchi immagina l’esposizione costituita da una “spina dorsale” di libri d’artista, libri oggetto e documenti grafici e da una “dentatura” costituita dalle nuove serie di incisioni, il tutto fatto di carte, inchiostri, acidi e pietre. Questa è per Cucchi un’occasione mirata a livello tematico-antologico per mostrare tutta la bellezza espressa nelle varie tecniche di stampa dagli anni Settanta ad oggi.

Enzo Cucchi, il più visionario tra gli artisti del movimento della Transavanguardia, sostiene che “se un’opera vuole definirsi come nuova allora deve contenere tutto il vecchio già prodotto, pensato, sofferto e digerito e, rifiutandolo, deve prodursi da quella cenere, che è solida però come fondamenta”. Ecco allora che nascono le sue grafiche, cariche di echi provenienti dalla sua terra d’origine, dalla cultura popolare.

Il tratto è a volte nervoso, a volte sinuoso, ondeggiante, appeso a fili sottili di un’esistenza intensa, sconnessa, come racconta la recente biografia scritta da Carlos D’Ercole, ma anche attenta a non dimenticare che la fragilità, la precarietà, quando coniugate con la radice forte della “cenere solida” del passato, diventano forza espressiva, energia siderale che trasforma l’uomo in artista e interprete di quell’incertezza che anche Ettore Sottsass riteneva necessario ingrediente per coloro che, da creativi, non vogliono mai smettere di capire.

L’esposizione è resa possibile grazie al Dicastero Educazione e Attività culturali del Comune di Chiasso, col patrocinio del Consolato generale d’Italia di Lugano, con il sostegno della Repubblica e Cantone Ticino – Fondo Swisslos, della Fondazione Egidio e Mariangela Cattaneo – Monte Tamaro e dell’AGE SA.

La mostra, nella modalità di “progetto integrato”, sarà ospitata ad Ancona nella Mole Vanvitelliana – Sala Vanvitelli (15 ottobre 2017 – 14 gennaio 2018).

Chiasso (Svizzera), giugno 2017

 

ENZO CUCCHI

CINQUANT’ANNI DI GRAFICA D’ARTISTA

Spazio Officina (Via Dante Alighieri 4), Chiasso (Svizzera)

11 giugno – 23 luglio 2017

 

Orari

Martedì–venerdì, ore 14.00–18.00

Sabato–domenica–aperture speciali, ore 10.00–12.00, 14.00–18.00

Lunedì chiuso

 

Aperture speciali

Giovedì 15 giugno 2017 (Corpus Domini)

Giovedì 29 giugno 2017 (SS. Pietro e Paolo)

Ingresso

Intero: CHF/Euro 7.-

Ridotto (AVS, AI, studenti, TCS, TCI, FAI SWISS, FAI, convenzionati): CHF/Euro 5.-

Scolaresche e gruppi di minimo 15 persone: CHF/Euro 5.-

Metà prezzo: Chiasso Card

Gratuito: bambini fino a 7 anni, giornalisti, Passaporto Musei svizzeri, ICOM, Visarte, Aiap, associazione amici del m.a.x. museo

Entrata gratuita: ogni prima domenica del mese

 

 

Informazioni

t +41 91 695 08 88

info@maxmuseo.ch

www.centroculturalechiasso.ch

 

CONTATTI STAMPA

 

Responsabile comunicazione, pubbliche relazioni, coordinamento

Ufficio stampa Svizzera e Insubria                                                                       

Amanda Prada 

m +41 76 563 34 77, t +41 91 695 08 88                                                                                 

ufficio.stampa@maxmuseo.ch (Svizzera)                                          

press@maxmuseo.ch (Insubria)

 

Ufficio stampa Italia

CLP Relazioni Pubbliche, Milano

Anna Defrancesco Gatti

t +39 02 367 55 700, m +39 349 61 07 625

anna.defrancesco@clponline.it, www.clponline.it

 

 

© 2012 CLP Relazioni Pubbliche - Informativa sulla Privacy - Powered by Eternet S.r.l.